La Tua vita nelle Tue mani
Header

Incontro con Swami Abhishek Chaitanya Giri Maharaj

Incontro con Swami Abhishek Chaitanya Giri Maharaj

Mercoledi 4 Novembre 2015 alle ore 19.00

 

Swami Abhishek 4

Mercoledi 4 Novembre 2015 dalle ore 19.00 alle ore 21.00 TulsiYoga avrà il piacere di ospitare Swami Abhishek Chaitanya Giri Maharaj  per un incontro sulla filosofia Vedanta.

Sarà presente una traduzione in Italiano per chi non conosce l’inglese.

L’incontro è a offerta libera e l’intero ricavato andra alla missione Chinmaya.

 

Chi é Swami Abhishek Chaitanya Giri Maharaj 

Nasce in una famiglia tradizionale  del Maharashtra, in India. Studia Psicologia e Scienze del comportamento all’Università di Bombay dove conosce e ascolta per la prima volta Swami Chinmayananda. Swarup, nome originario prima dell’ordinazione monastica, diventa volontario attivo nel Chinaya Yuva Kendra – Chinmaya Youth Forum e grazie alla frequentazione con altri giovani con le sue stesse idee e con la guida della missione di Chinmaya, rafforza il suo intento di imparare di più e di abbracciare la vita monastica.

Si laurea a Bombay nel 1994 e nel 1996 approfondisce la conoscenza del Vedanta alla Chinmaya Mission, presso Powai, a Mumbai dove intraprende la seva, attività di servizio nel vero spirito del Karma Yoga. Ben presto Swarup diviene il Brahmacari Abhishek Caitanya, un nome scelto in modo appropriato, in quanto egli sarebbe stato capace di aspergere nettare da ogni lato, tanto attraverso gli insegnamenti di Karma (azione), quanto di Bhakti (devozione) o ancora di Jnana (conoscenza) Yoga.

Poco dopo Swami Tejomayananda, Capo della Chinmaya Mission, lo nomina Acharya alla Chinmaya Residential International School di Coimbatore. La laurea in Psicologia, resa più forte dalla saggezza del Vedanta, lo rende un insegnante ideale. Con le benedizioni dei maestri vaga solitario intraprendendo una sadhana (pratica) intensa e austera, cerca e trova Swami Vishwatmananda, un anziano discepolo di Swami Akhandananda, e sotto la sua guida intraprende una sadhana intensa, testimoniata e approvata da non altri che Banke Bihari (Krishna) di Vrindavana.

Tra il 2003 e il 2008 la trasformazione è anche fisica, diviene più snello man mano che la potenza e lo splendore della sadhana brillano sempre più in lui. Continua per 5 anni, con la maggiore intensità a Vrindavan, Rishikesh, Kashi e Nasik, e nelle zone forestali limitrofe.

Nel 2011 un’altra occasione significativa gli si presenta quando accetta di tenere delle lezioni alla conferenza sul Vedanta allo Swami Kashikananda Ashram a Mumbay. Lì incontra Swami Ramananda del Jagadguru Sannyasa Ashram di Rishikesh, l’anziano Swami soffre di un cancro al 3° stadio e viene così profondamente colpito dal giovane brahmachari da esprimere il desiderio di consacrare Brahmachari Abhishek Chaitanya come suo successore nell’ashram. Il Brahmachari accetta quest’onere come volere del Signore e rimane per accudire amorevolmente Swami Ramananda finché quest’ultimo non abbandona le sue spoglie mortali. Gli eventi si evolvono velocemente e il 2 febbraio 2013 il giovane e brillante brahmachari fu iniziato col nome di Mahamandaleshwar Abhishek Chaitanya Giri Maharaj in una tradizionale ed elaborata cerimonia di ordinazione chiamata Pattabhisheka a  Kashi, sulle rive della sacra Ganga. Il titolo gli è conferito dall’augusto Acharya Mahamandaleshwar Swami Punyayanda Giri Maharaj, della Niranjani Akhada. Subito dopo lo Swami si dirige verso la Pavitra Bhumi (sacro suolo) di Rishikesh, dove si trova il Jagadguru Sannyas Ashram.

Attualmente, mentre continua a migliorare le condizioni del Sannyas Ashram e a viaggiare intorno al mondo affascinando gli uditori con il suo stile unico di spiegare il Vedanta, Mahamandaleshwar Abhishek Chaitanya Giri Maharaj studia altri progetti come l’istituzione di un ritiro per gli Swami e i Mahatma in età avanzata che non sono più in grado di servire la società, al fine di concedere loro un luogo per trascorrere gli ultimi giorni e affinché possano continuare la loro sadhana con dignità. Contemporaneamente è estremamente deluso e profondamente preoccupato della misera condizione dell’istruzione in sanscrito e spera di rivivificare quella lingua che, sola, ha la capacità di presentare l’essenza dell’India e di farla accettare universalmente grazie ad una conoscenza corretta.

All’estero Swamiji continua a essere parte integrale dello Swarupa Iyengar Yoga Institute, in Malesia, un paese che visita ogni anno per impartire profondi insegnamenti sugli Yoga Sutra di Patanjali. É accolto caldamente in ogni luogo si rechi: Malesia, Hong Kong, Filippine, Indonesia e, di recente, Francia e Italia. Swami Abhishek Chaitanya Giri Maharaj è un esempio ispiratore, accetta e guida chiunque gli si avvicini, vedendo solo il lato positivo delle inclinazioni personali di ognuno e incoraggiando ogni individuo a dirigersi verso la Meta Ultima, la liberazione da tutte le limitazioni altresì chiamata Moksha.

 

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress